venerdì 31 ottobre 2008

Morti Bianche " Riflessioni dell'amico Gianluca Caratelli Dirigente Sindacale UGL

Meglio la Borsa che la Vita?

In questi giorni siamo stati bombardati mediaticamente e psicologicamente dal "dramma" del crollo delle borse mondiali.
Sembrava che la fine del capitalismo finanziario dovesse portare alla fine della vita così come la conosciamo,o come vogliono farci credere che la conosciamo.
C'è un altro dramma invece che dura da decenni e che il progresso tecnologico ed economico non ha voluto e saputo fronteggiare: le morti sul lavoro.
E' stato stimato che la negligenza e l'avarizia dei datori di lavoro ha causato più morti di tante guerre che ci sono state nel mondo.
E' incredibile come ormai ci hanno fatto abituare al quotidiano bollettino di guerra che ci viene scandito,ormai neanche sempre,dai mezzi d'informazione.
Ma come è possibile che ci siamo più assuefatti a sentire della morte di esseri umani e padri di famiglia che ai punti percentuali persi dalla borsa di New York???
Dicono che siamo esseri superiori e che siamo le forme di vita più intelligenti del nostro pianeta...eppure non si è mai visto piangere una mucca perchè non riesce più a produrre latte ed invece la si è vista tante volte triste alla perdita di un suo vitello!
Come possiamo ancora tollerare che nel XXI secolo ancora si muoia lavorando ???
Ogni giorno, in Italia, si verificano 2.500 incidenti sul lavoro, muoiono tre persone e 27 rimangono permanentemente invalide. Nel 2007 le morti bianche, secondo i dati Inail, sono state circa 1.200. Oggi sono oltre 800 mila gli invalidi del lavoro e quasi 130 mila i superstiti di caduti sul lavoro.
I politici italiani sono preoccupati per l'economia del nostro paese e prontamente mettono a disposizione miliardi di euro e leggi senza vergogna per salvare banche amiche ed imprenditori compari,ma per coloro che per andare a lavorare escono di casa la mattina salutando la propria moglie ed i propri figli senza sapere che non li rivedranno più,per loro nulla se non la finta ed inutile pietà postuma alla loro morte.
Ed allora avrei una domanda da fare ai nostri rappresentanti istituzionali:
"Quanti punti percentuali di borsa vale la morte di un essere umano?"
Non mi stupirei se avessero l'indecenza di riuscire anche solo a quantificarla....
Gianluca Caratelli
http://www.gianlucacaratelli.it/

Bravo Gianluca.

Consigliere Comunale Mario Procaccini.
http://marioprocaccini.blogspot.com/2008/03/interrogazione-sicurezza-nei-plessi.html


http://marioprocaccini.blogspot.com/2008/02/sicurezza-sui-cantieri-e-luogo-di.html

http://marioprocaccini.blogspot.com/2007/12/sicurezza-sul-territorio-messa-in.html

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie Mario per aver riportato,e quindi diffuso,sul tuo blog queste serie riflessioni.
Di certi argomenti se ne parla sempre troppo poco e non bisognerebbe mai abbassare la guardia:ed il tuo lavoro su questo tema,testimoniato dalle numerose denunce ed interrogazioni presentate, ti fa onore.
Ormai da anni la sinistra ha barattato queste battaglie in cambio di poltrone e discorsi da salotto.
La destra invece,quella vera,autentica e sociale che noi rappresentiamo,non ha lasciato soli i lavoratori e le loro famiglie perchè noi siamo con loro e,ormai,loro sono con noi.
Un abbraccio.
Gianluca Caratelli.

Anonimo ha detto...

Caro Procaccini,
sono un suo grande ammiratore per come sta facendo la sua politica di opposizione vera,non come quelli addomesticati del Sindaco.
Vorrei sapere con quali criteri è stato assegnato l'incarico di cooerdinatore del sistema bibliotecario prenestino alla signora Fedeli Luciana del comune di Zagarolo?
1) c'è stata una selezione ?
2) quale è il titolo richiesto(vedi sistema bibliotecario dei castelli romani)? Occorre una laurea in lettere o simile?
3) quale titolo di studio possiede la signora Luciana?E' ideoneo?
4) quali sono i compensi percepiti dalla signora Fedeli da parte del comune e della comunità montana?
5) quale è la durata dell'incarico?

Siamo certi che la signora i questione può ricoprire quel ruolo senza arrecara danno al comune ed a quei cittadini che pagano regolarmente le tasse?

Sono certo di una sua risposta positiva conoscendo la sua integrità politica e la sua serietà.

Un suo ammiratore.

Mario Procaccini ha detto...

anonimo ha detto
Caro Procaccini,
sono un suo grande ammiratore per come sta facendo la sua politica di opposizione vera,non come quelli addomesticati del Sindaco.
Vorrei sapere con quali criteri è stato assegnato l'incarico di cooerdinatore del sistema bibliotecario prenestino alla signora Fedeli Luciana del comune di Zagarolo?
1) c'è stata una selezione ?
2) quale è il titolo richiesto(vedi sistema bibliotecario dei castelli romani)? Occorre una laurea in lettere o simile?
3) quale titolo di studio possiede la signora Luciana?E' ideoneo?
4) quali sono i compensi percepiti dalla signora Fedeli da parte del comune e della comunità montana?
5) quale è la durata dell'incarico?

Siamo certi che la signora i questione può ricoprire quel ruolo senza arrecara danno al comune ed a quei cittadini che pagano regolarmente le tasse?

Sono certo di una sua risposta positiva conoscendo la sua integrità politica e la sua serietà.

Un suo ammiratore.

1 novembre 2008 17.22

-----------------------------
caro anonimo prendo atto della tua segnalazione.Ti preciso che nella mattinata di Martedi 4.11.08presenterò una richiesta d'atti al Sindaco e al Segretario Comunale.
Comunque grazie per la segnalazione.
Cons.Procaccini mario

Anonimo ha detto...

per quatro voti in più il centrosinistra baratta la vita dei lavoratori!

Anonimo ha detto...

Buongiorno Mario,
scusami se torno ad approfittare dello spazio del tuo blog.
Sono venuto a conoscenza di un fatto che ritengo estremamente grave e preoccupante e del quale ti prego di fartene carico.
Alcuni amici di Zagarolo,i quali hanno il proprio figlio frequentante la scuola elementare di Zagarolo,mi hanno riferito che la scuola terrà/tiene tutti i Mercoledì dalla 15:30 alle 17:30 delle lezioni "particolari". Dico "particolare" perchè sincermante non ho capito se sono lezioni per bimbi rumeni che sono tenute in lingua rumena o se addiruttura sono lezioni di rumeno per bambini italiani.
In entrambi i casi si tratterebbe di lezioni che nulla avrebbero a che vedere con l'integrazione e con l'insegnamento della nostra lingua,due questioni auspicabili di civiltà.Ad aggravare ancora di più la faccenda sta il fatto che sia le lezioni che i libri di testo sono completamente gratutiti.
Perchè invece non vengono tenuti dei corsi gratuiti di inglese e di informatica ad esempio?Perchè i libri di testo sono gratuiti (e quindi pagati da tutti noi) ?
La cosa che ci tengo a ribadire è che qui siamo tutti per l'integrazione e contro ogni tipo di razzismo ma siamo anche però per un discorso di giustizia ed equità sociale che mal si concilia con l'insegnamento gratuito di una lingua che non è la nostra e di cui sinceramente non ce n'è assolutamente bisogno,a meno che non si persegue il disegno di far intergrare gli italiani alla Romania e non i rumeni all'Italia.
Grazie Mario per l'interesse che potrai riporre su questa tematica.
Gianluca Caratelli.

rr ha detto...

...e il consiglio dei genitori, che fà!.... sonnecchia?

Mario Procaccini ha detto...

AL Dir. Scolastico- 275^ circolo Zagarolo (RM)
Dott. Sebastiana NATI-
Vice presidente del Consiglio Comunale- Comune di Zagarolo (RM).
Le inoltro la richiesta di notizie,qui di seguito riportata ,con preghiera di notiziarmi.
Cons Procaccini Mario
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Buongiorno Mario,
scusami se torno ad approfittare dello spazio del tuo blog.
Sono venuto a conoscenza di un fatto che ritengo estremamente grave e preoccupante e del quale ti prego di fartene carico.
Alcuni amici di Zagarolo,i quali hanno il proprio figlio frequentante la scuola elementare di Zagarolo,mi hanno riferito che la scuola terrà/tiene tutti i Mercoledì dalla 15:30 alle 17:30 delle lezioni "particolari". Dico "particolare" perchè sincermante non ho capito se sono lezioni per bimbi rumeni che sono tenute in lingua rumena o se addiruttura sono lezioni di rumeno per bambini italiani.
In entrambi i casi si tratterebbe di lezioni che nulla avrebbero a che vedere con l'integrazione e con l'insegnamento della nostra lingua,due questioni auspicabili di civiltà.Ad aggravare ancora di più la faccenda sta il fatto che sia le lezioni che i libri di testo sono completamente gratutiti.
Perchè invece non vengono tenuti dei corsi gratuiti di inglese e di informatica ad esempio?Perchè i libri di testo sono gratuiti (e quindi pagati da tutti noi) ?
La cosa che ci tengo a ribadire è che qui siamo tutti per l'integrazione e contro ogni tipo di razzismo ma siamo anche però per un discorso di giustizia ed equità sociale che mal si concilia con l'insegnamento gratuito di una lingua che non è la nostra e di cui sinceramente non ce n'è assolutamente bisogno,a meno che non si persegue il disegno di far intergrare gli italiani alla Romania e non i rumeni all'Italia.
Grazie Mario per l'interesse che potrai riporre su questa tematica.